Seguici con il Feed Rss

PARTECIPA ALLA NOSTRA COMMUNITY!

domenica 31 luglio 2022

Daniela Lucangeli: talenti da valorizzare a scuola. Come fare?


Ancora una volta proponiamo un testo che, insieme ad altri, riteniamo sia un valore aggiunto per la professione docente e per la didattica. 

A garanzia della sua qualità c'è la curatrice, che non ha bisogno di presentazioni: Daniela Lucangeli.

Si tratta di un volume di poche pagine e dal prezzo contenuto, ma ricco di spunti didattici che guidano il docente passo passo per una didattica di qualità e ... inclusiva nel senso vero del termine: una didattica cioè che, oltre a curare le difficoltà di chi arranca valorizza chi eccelle. E, forse, abbiamo davvero bisogno di non lasciare indietro chi ha una marcia in più.

Vai al testo: Talenti da valorizzare. Giftedness: cosa fare a scuola

Lo scopo del volume è fornire alcune metodologie didattiche, strategie e strumenti per creare ambienti scolastici inclusivi, in grado di dare ampio spazio alla personalizzazione, favorendo l’apprendimento di tutti gli alunni, con particolare attenzione ai bambini "gifted", che presentano livelli eccezionali di abilità in diverse aree dello sviluppo, in particolare quella cognitiva. Un alunno iperdotato può ottenere eccellenti risultati solo in alcune discipline; inoltre, può accadere che le competenze e i talenti non sempre emergano con continuità e omogeneità. Il volume è articolato in cinque sezioni, che spaziano dagli aspetti metodologici alle attività specifiche relative alle diverse aree disciplinari, allo sviluppo della creatività e del pensiero divergente, oltre che agli aspetti più strettamente inerenti le emozioni e la gestione del comportamento in classe. Il volume, attraverso repertori di idee e strategie finalizzate, si pone come strumento in grado di fornire alcuni esempi e attività che supportino gli insegnanti nel favorire il benessere degli alunni "gifted" nel contesto scolastico.

Vai al testo: Talenti da valorizzare. Giftedness: cosa fare a scuola

mercoledì 20 luglio 2022

Assunzioni docenti: 94.130 posti

 Diffusi dal Ministero dell’Istruzione i dati relativi alla disponibilità di posti per le assunzioni a tempo indeterminato del personale docente per l’a.s. 2022/23. In totale i posti da coprire sono 94.546 (di cui 30.349 di sostegno), che si riducono a 94.130 per effetto di 416 situazioni di esubero, da compensare con una corrispondente riduzione del numero di assunzioni. Gli esuberi riguardano esclusivamente i posti comuni, quasi totalmente (391 su 416) della secondaria di II grado, e non quelli di sostegno.

Questa la ripartizione del contingente per tipologia di posto e grado di scuola, al netto degli esuberi:

Grado di scuolaPosti comuniPosti di sostegno
INFANZIA3.0702.175
PRIMARIA9.47411.511
SEC. I GRADO19.29310.039
SEC. II GRADO31.9446.624
TOTALE63.78130.349

Nei 94.130 posti complessivi sono compresi anche i 14.420 posti comuni destinati alle procedure concorsuali straordinarie per docenti di scuola secondaria (art. 59 c. 9 bis del dl 73/2021). Non vi rientrano invece i 12.840 posti già coperti dai docenti (in prevalenza di sostegno) assunti dalle GPS di I fascia nell’a.s. 2021/22 e che saranno confermati in ruolo il prossimo 1° settembre avendo superato la prova disciplinare prevista a conclusione del loro primo anno di servizio.

Fonte: https://www.cislscuola.it/index.php?id=2872&tx_ttnews%5Btt_news%5D=33295&cHash=d1dc1dd899ab0bf303cd479433f56cf5

giovedì 14 luglio 2022

"Registro di classe", un film RAI gratuito che racconta la storia della scuola italiana (insieme a quella d'Italia). Da vedere

I registri di classe servono a segnare le assenze e i voti degli alunni. Ma non tutti gli alunni sono uguali, non a tutti sono date le stesse possibilità.

In questo viaggio lungo più di un secolo, insegnanti, bambini, genitori di ogni parte d'Italia raccontano la storia della scuola dell'obbligo, vissuta in prima persona tra grandi aspettative e delusioni spesso profonde. 

Questo viaggio nel mondo della scuola, per il quale ringraziamo "mamma Rai", è diviso in due parti, chiamate "Libri" di circa un'ora ciascuno: la prima puntata copre l'arco di tempo che va dal 1900 al 1960; la seconda dal 1968 al 2000.

Il libro secondo parte dal Sessantotto, non come data di comodo ma come spartiacque tra sistemi diversi di pensare e agire. La scuola si ribella, la scuola si riforma; si tenta di aprire nuove strade che in realtà sono già state percorse. Ancora una volta le aule delle elementari e delle medie sono lo specchio di un Paese difficile, spesso ingiusto, di cui la scuola è la cartina di tornasole.

Vi divertirete, vi commuoverete e vedrete la storia d'Italia attraverso la storia della scuola, che è, insieme alla sanità, l'Istituzione più importante di qualsiasi Paese moderno. 

Qui la presentazione della serie 

Registro di classe - Libro primo 1900-1960

Registro di classe - Libro secondo 1968-2000


**************

Cliccando qui sarai ricondotto/a alla nostra
 MEGA RACCOLTA di film gratuiti per la scuola

**************

mercoledì 13 luglio 2022

IMPORTANTE! Bonus 200 euro: ne hanno diritto anche i precari al 30 giugno. Ecco come

Riportiamo dal sito della Cisl Scuola nazionale una importante notizia che riguarda i precari al 30 giugno: anche per loro c'è il bonus energia di 200 euro. Di seguito tutte le informazioni dettagliate. 

A seguito di contatti intercorsi tra il patronato INAS nazionale (Cisl Scuola) e l’INPS per un'attenta verifica circa il diritto dei supplenti con contratto scaduto il 30 giugno di accedere al bonus di 200 euro previsto nel DL “Aiuti”, è possibile fornire le seguenti indicazioni:

 Il decreto legge dispone che tra le categorie beneficiarie del bonus ci siano i lavoratori stagionali o a tempo determinato o con contratto di lavoro intermittente in possesso di 50 giornate lavorative nel corso del 2021 e il cui reddito non superi, in tale anno, i 35.000 euro. Non essendovi, ad avviso dell’INPS, alcuna esplicita preclusione che possa riguardare i lavoratori a tempo determinato della scuola, anch’essi possono rientrare tra coloro che per ricevere il bonus devono farne richiesta all’Istituto di Previdenza.

Il termine per richiedere la corresponsione del bonus è fissato al 31 ottobre.

 Il pagamento sarà fatto direttamente dall’INPS sul conto del quale l’interessato avrà fornito, all'atto della domanda, i dati di identificazione necessari (IBAN) e non potrà comunque avvenire prima della fine di settembre, tenuto conto dei tempi necessari all’INPS per verificare che l'indennità non sia già stata liquidata in precedenza al richiedente.

La richiesta può essere inoltrata anche attraverso il portale INPS per coloro che sono registrati sul portale



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...