Seguici con il Feed Rss

PARTECIPA ALLA NOSTRA COMMUNITY!

mercoledì 10 agosto 2022

Dai libri letti nelle discariche a ricercatore chimico negli USA: la storia sorprendente di Thompson Vitor in un film

Partiamo dalla fine di questa storia straordinaria: una fondazione bancaria brasiliana finanzia la realizzazione di un film, nell'ambito di un più ampio progetto di sensibilizzazione alla lettura, dal titolo Busca do filho/Leia para uma criança. Il trailer lo trovate in fondo a questo articolo.

Si tratta della vicenda, sicuramene insolita e commovente, che riguarda il piccolo Thompson Vitor, bambino nato in un piccolo centro di una insignificante provincia brasiliana da una modestissima famiglia: il padre si guadagna da vivere vendendo panini, la madre commerciando quel che può, come può, in articoli da robivecchi.

Sono quei casi in cui la vita ti presenta subito il conto, prima ancora del servizio: una vita già in salita sulla strada dell'emancipazione.

Per Thompson, infatti, studiare è difficile, perché la frequenza a scuola, i materiali didattici, i libri, hanno un costo che i genitori non possono reggere. Eppure c'è una risorsa che lavora in silenzio, un cuore caldo che batte e che si fa largo tra le difficoltà di una tale condizione, ed è una donna (la cosa non ci sorprende): parliamo di Rosangela, la madre del ragazzo.

Rosangela inizia una paziente ricerca di libri tra la spazzatura, nei cassonetti, nelle discariche; insomma, seleziona libri, spesso malconci, che altri hanno buttato. La notte, spesso, cerca di rabberciarli come può, pulendone le pagine o incollandole alla meno peggio. Questa tenacia la porta, giorno dopo giorno, a mettere su una vera e propria biblioteca. 

All'inizio è lei a leggere per il piccolo, che ascolta la voce della madre venir fuori da un misterioso filo invisibile che la collega a quelle pagine pieni di segni, colori, simboli. Poi il testimone passa in mano a Thompson, che diventa un vorace lettore. Da qui la svolta. Il bambino cresce imparando e facendo passi da gigante; riesce ad iscriversi alla scuola superiore con la borsa di studio concessa da una fondazione che si ispira al filosofo spiritualista Faria Brito.

La storia di Thompson Vitor resta pressoché sconosciuta fino al 2019, quando il giovane fa le valigie alla volta degli Stati Uniti: la destinazione è l’Università di Rochester, dove ora è ricercatore di chimica.

Questa è una storia vera, che assurge ad esempio di riscatto, di tenacia, di sacrifici. Ed è proprio il caso di dirlo: è una storia in cui i libri, anche se riesumati dall'immondizia, ti salvano la vita. 

Ci auguriamo che il film prodotto su questa storia straordinaria sia presto disponibile in Italia.

Il trailer del film puoi vederlo CLICCANDO QUI o in basso:

martedì 9 agosto 2022

"L'imparare non è lo stesso che sapere": quasi 200 anni fa Alexandre Dumas (padre) ci insegnava l'apprendimento "filosofico"

C'è un passo bellissimo tratto dal romanzo "Il Conte di Montecristo": si tratta di una conversazione che si svolge in carcere tra due detenuti d'eccezione, Edmond Dantès, il protagonista, e l'abate Faria. 
I due sono costretti a trascorrere anni nello stesso penitenziario, entrambi condannati ingiustamente. Edmond è un marinaio promosso a comandante poco rima dell'arresto; l'abate è un coltissimo religioso italiano.
Edmond desidera imparare il più possibile da lui e gli chiede: "Voi dovreste insegnarmi un poco di quanto sapete, non fosse altro che per non annoiarvi con me."

La conversazione prosegue:

“Due anni!” disse Dantès. “Credete che io possa imparare tutte queste cose in due anni?” 

“Nella loro applicazione no; nei loro principi sì. L’imparare non è lo stesso che sapere: vi sono gli eruditi e gli scienziati, la memoria forma i primi, la filosofia i secondi.” 

“Ma la filosofia non si può imparare?” 

“La filosofia non s’impara, la filosofia è la riunione delle scienze imparate nel genio che le applica.”

Ecco, l' "imparare non è lo stesso che sapere". Alexandre Dumas "padre" è in grado, già nel 1844 (anno in cui il romanzo iniziò ad uscire a puntate), di insegnarci una massima sull'apprendere: una cosa è l'erudizione, vale a dire la somma di fatti, concetti, curiosità, memorizzati e immagazzinati.

Altra cosa è la sapienza, che trasforma la conoscenza in cultura, e sapienza vuol dire "ciò che ha il sale, ciò che dà sapore".

L'erudizione, insomma, è una conoscenza quantitativa, la sapienza è qualitativa.

E c'è un altro passaggio molto interessante: come si coltiva la sapienza? Dumas risponde in modo lapidario: con la filosofia:

“La filosofia non s’impara, la filosofia è la riunione delle scienze imparate nel genio che le applica.”

Ecco, che genere di filosofia è mai questa? 

Si tratta dello sguardo della conoscenza sul TUTTO, si tratta della ricomposizione dei saperi, dopo averli frammentati, verso una conoscenza complessiva della realtà, e non è affatto detto che arrivi mai o che arrivi in modo definitivo.

La sapienza porta alla ricerca di uno sguardo coerente e generale sul mondo, e questo è un approccio squisitamente filosofico che spesso manca al nostro "fare scuola" quotidiano.

Il rischio delle nostre scuole è la settorializzazione, la parzializzazione della conoscenza. È come se insegnassimo ai nostri studenti questa o quella strada senza metterli in condizione di leggere le carte geografiche e le mappe in modo da orientarsi da sé in ogni ambiente, in ogni territorio. È come, ancora, se fornissimo loro costantemente della farina senza insegnare invece le pratiche per coltivare il grano.

La sapienza è uno sguardo dall'alto sulla realtà, è il tentativo filosofico di tenere insieme le parti, lo sforzo di trovare leggi universali, la "riunione delle scienze imparate". È la sintesi dei saperi in un orizzonte di senso (ammesso che ci sia). E quello che la scuola e, peggio ancora, le università - spesso frammentate in settori, in specializzazioni, in ambiti di indagine - non fanno è proprio uno sforzo di sintesi.


venerdì 5 agosto 2022

Invece di dire... Prova a dire...: Le parole per educare i bambini con amorevole fermezza

Le parole, lo sappiamo, hanno un peso. A seconda delle parole che scegliamo, dell'intonazione della frase, del tipo di frase, possiamo ferire o incoraggiare, stimolare o inibire, chiudere o aprire. Soprattutto possiamo ottenere o no ciò che chiediamo.

Usare bene le parole è una competenza richiesta a chiunque lavori nel mondo dell'educazione: ai genitori, anzitutto, ma anche agli insegnanti, agli educatori, ai terapeuti.

Il libro che proponiamo in questo caso insegna proprio agli adulti ad usare correttamente le parole con i bambini, secondo il principio dell' "amorevole fermezza": insomma, l'adulto chiede, ed è gusto che sia così, e chiede nel modo migliore, salvaguardando la serenità di chi riceve la richiesta, educando.

Quante volte hai sgridato in malo modo i tuoi figli per poi rimpiangere subito dopo di averlo fatto? Quante volte non hai detto la frase giusta al momento giusto per tranquillizzarli? Quante volte, insomma, non sei stato all'altezza del genitore che pensi di poter essere?

Per rispondere a queste domande ora c'è un libro scritto con la sensibilità di una mammaAlli Beltrame, e l'esperienza di un'insegnante, Laura Mazzarelli.
Troverete istruzioni su come affrontare i capricci, le ore di TV o smartphone in modo costruttivo, decaloghi su come farsi ascoltare o gestire la lagna, consigli su come impostare un vero e proprio linguaggio educativo. Insomma, 
un vademecum che ti insegnerà, passo dopo passo, situazione dopo situazione, a parlare ai tuoi figli con amorevole fermezza: perché non è mai troppo tardi per diventare il genitore che vorresti essere.

VAI AL LIBRO "Invece di dire ... Prova a dire..."

giovedì 4 agosto 2022

Supplenze docenti a.s. 2022/2023, tutte le informazioni in una pagina del MI dedicata

 È disponibile sul sito del Ministero dell’Istruzione la pagina contenente tutte le informazioni necessarie per la presentazione delle istanze per l’assegnazione delle supplenze a tempo determinato per l’anno scolastico 2022/2023. 

Le istanze possono essere inoltrate fino alle ore 14:00 del 16 agosto 2022.


VAI ALLA PAGINA

Lettere da Barbiana, Una preziosa eredità: gli allievi di Don Milani la raccontano in un video documentario

 La scuola di Barbiana e la rivoluzione didattica impressa da Don Lorenzo Milani, dal '54 priore nel piccolissimo comune nel cuore del Mugello. Venti case e trentanove abitanti in tutto, senza una strada né elettricità né telefono. 

Michele, Carlo e Agostino detto 'Gosto', tra i primi allievi di Don Milani, raccontano per la prima volta la loro esperienza a fianco del Maestro e gli anni passati a mantenere inalterata la sua eredità.

VAI AL FILM DOCUMENTARIO "LETTERE DA BARBIANA"

**************

Cliccando qui sarai ricondotto/a alla nostra
 MEGA RACCOLTA di film gratuiti per la scuola

**************

domenica 31 luglio 2022

Daniela Lucangeli: talenti da valorizzare a scuola. Come fare?


Ancora una volta proponiamo un testo che, insieme ad altri, riteniamo sia un valore aggiunto per la professione docente e per la didattica. 

A garanzia della sua qualità c'è la curatrice, che non ha bisogno di presentazioni: Daniela Lucangeli.

Si tratta di un volume di poche pagine e dal prezzo contenuto, ma ricco di spunti didattici che guidano il docente passo passo per una didattica di qualità e ... inclusiva nel senso vero del termine: una didattica cioè che, oltre a curare le difficoltà di chi arranca valorizza chi eccelle. E, forse, abbiamo davvero bisogno di non lasciare indietro chi ha una marcia in più.

Vai al testo: Talenti da valorizzare. Giftedness: cosa fare a scuola

Lo scopo del volume è fornire alcune metodologie didattiche, strategie e strumenti per creare ambienti scolastici inclusivi, in grado di dare ampio spazio alla personalizzazione, favorendo l’apprendimento di tutti gli alunni, con particolare attenzione ai bambini "gifted", che presentano livelli eccezionali di abilità in diverse aree dello sviluppo, in particolare quella cognitiva. Un alunno iperdotato può ottenere eccellenti risultati solo in alcune discipline; inoltre, può accadere che le competenze e i talenti non sempre emergano con continuità e omogeneità. Il volume è articolato in cinque sezioni, che spaziano dagli aspetti metodologici alle attività specifiche relative alle diverse aree disciplinari, allo sviluppo della creatività e del pensiero divergente, oltre che agli aspetti più strettamente inerenti le emozioni e la gestione del comportamento in classe. Il volume, attraverso repertori di idee e strategie finalizzate, si pone come strumento in grado di fornire alcuni esempi e attività che supportino gli insegnanti nel favorire il benessere degli alunni "gifted" nel contesto scolastico.

Vai al testo: Talenti da valorizzare. Giftedness: cosa fare a scuola

mercoledì 20 luglio 2022

Assunzioni docenti: 94.130 posti

 Diffusi dal Ministero dell’Istruzione i dati relativi alla disponibilità di posti per le assunzioni a tempo indeterminato del personale docente per l’a.s. 2022/23. In totale i posti da coprire sono 94.546 (di cui 30.349 di sostegno), che si riducono a 94.130 per effetto di 416 situazioni di esubero, da compensare con una corrispondente riduzione del numero di assunzioni. Gli esuberi riguardano esclusivamente i posti comuni, quasi totalmente (391 su 416) della secondaria di II grado, e non quelli di sostegno.

Questa la ripartizione del contingente per tipologia di posto e grado di scuola, al netto degli esuberi:

Grado di scuolaPosti comuniPosti di sostegno
INFANZIA3.0702.175
PRIMARIA9.47411.511
SEC. I GRADO19.29310.039
SEC. II GRADO31.9446.624
TOTALE63.78130.349

Nei 94.130 posti complessivi sono compresi anche i 14.420 posti comuni destinati alle procedure concorsuali straordinarie per docenti di scuola secondaria (art. 59 c. 9 bis del dl 73/2021). Non vi rientrano invece i 12.840 posti già coperti dai docenti (in prevalenza di sostegno) assunti dalle GPS di I fascia nell’a.s. 2021/22 e che saranno confermati in ruolo il prossimo 1° settembre avendo superato la prova disciplinare prevista a conclusione del loro primo anno di servizio.

Fonte: https://www.cislscuola.it/index.php?id=2872&tx_ttnews%5Btt_news%5D=33295&cHash=d1dc1dd899ab0bf303cd479433f56cf5

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...