Seguici con il Feed Rss

PARTECIPA ALLA NOSTRA COMMUNITY!

sabato 23 gennaio 2021

Film sulla Shoah: "La chiave di Sara", gratuito in lingua originale e con sottotitoli in inglese

Il film è davvero molto bello e tratto da una storia vera. Non è adatto ai più piccoli: se ne consiglia la visione ai ragazzi del triennio della scuola superiore.

Il film di cui si ha disponibilità gratuita è in lingua originale (in francese) con sottotitoli in inglese: per questo può essere usato anche in modalità CLIL, mescolando il tema dell'olocausto all'esercizio delle competenze linguistiche.

TRAMA

 Parigi ai giorni nostri. Julia Jarmond, una giornalista americana che vive in Francia da vent'anni, indaga sui dolorosi fatti del Vél' d'Hiv, il luogo in cui vennero concentrati migliaia di ebrei parigini prima di essere deportati nei campi di concentramento.

 Ricostruendo i fatti, Julia incontra Sarah, una donna che aveva 10 anni nel luglio 1942

Per Julia ciò che era soltanto materiale per un articolo diventa un fatto personale, che potrebbe essere legato ad un mistero della sua famiglia.

Per approfondire le caratteristiche del film

Il film in lingua originale e con sottotitoli in inglese puoi vederlo qui:

LA CHIAVE DI SERA

Oppure puoi vederlo in basso:

giovedì 21 gennaio 2021

Film gratuito per la scuola e il Giorno della Memoria: "Il bambino con il pigiama a righe"

Bruno è un bambino tedesco di otto anni.

 Un giorno, a seguito della promozione del padre, Bruno viene costretto a lasciare la città e tutti i suoi amici per trasferirsi in una casa di campagna insieme alla famiglia. Poco dopo il suo arrivo, il bambino scopre per caso che vicino alla sua nuova abitazione sorge un campo di concentramento. 

Lì, conosce Shmuel, un bambino ebreo, suo coetaneo. Nonostante tra i due vi sia del filo spinato e il tentativo degli adulti di infondere odio verso la razza ebraica, Bruno si dimostra fin da subito estraneo ai condizionamenti.

Il film puoi vederlo qui:
"Il bambino con il pigiama a righe", film completo

Film gratuito per la scuola e il Giorno della Memoria: "Il rifugio"

1944, Ruth Gruber, una giovane ebrea americana, si impegna in una sfida all'apparenza impossibile: mettere in salvo quasi mille ebrei scampati all'incubo dell'Olocausto. In un'Europa sconvolta dalla guerra, l'indomabile Ruth, riesce a trovare la via per garantire ai sopravvissuti una speranza di nuova vita in America. Tratto da una storia vera, Il Rifugio vi commuoverà grazie anche alle appassionanti interpretazioni di Natasha Richardson, Colm Feore, Martin Landau e Anne Bancroft...

Il film puoi vederlo qui:
"Il rifugio" per non poter dimenticare...

Oppure guardalo in basso:

Avviso pubblico per la partecipazione al Premio scuola digitale 2021


Riportiamo dal sto del MI:

Avviso prot. n. 677 del 20 gennaio 2021 per la presentazione di candidature da parte delle istituzioni scolastiche per la partecipazione al Premio scuola digitale 2021. Scadenza: 25 febbraio 2021 - ore 15.00

m_pi.AOODGEFID.REGISTRO UFFICIALE(U).0000677.20-01-2021.pdf


Fonte:
https://www.miur.gov.it/web/guest/-/avviso-pubblico-per-la-partecipazione-al-premio-scuola-digitale-2021

Educazione civica, il 25 gennaio al via la terza edizione del progetto “La Costituzione… aperta a tutti”

Dal sito del MI:
 
Un nuovo ciclo di incontri per accompagnare studentesse e studenti delle scuole secondarie di II grado nella scoperta e nell’approfondimento della nostra Costituzione e dei suoi valori fondamentali.

Con il primo appuntamento di presentazione online, lunedì 25 gennaio dalle ore 10.00, si apre la III edizione del progetto La Costituzione… aperta a tutti. L’iniziativa, ideata nel 2018 dal Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi Roma Tre, nasce dall’esigenza di introdurre ragazze e ragazzi a un tema tanto importante con un metodo nuovo.

Il percorso formativo inizia con l’ascolto di lezioni di Maestri del diritto, che illustrano il significato di parole chiave della nostra Carta fondamentale. Si prosegue con approfondimenti e dibattiti sull’attualità della Costituzione con docenti più giovani. Questo “doppio binario” ha una precisa ragion d’essere: la riflessione viene svolta, infatti, sia attraverso lezioni frontali, preziose e autorevoli, sia attraverso confronti, dibattiti, lavori da svolgere sulle tematiche affrontate. Il coinvolgimento degli studiosi più giovani permette di ridurre la distanza generazionale tra docente e discenti, con una formula che favorisce una partecipazione attiva delle ragazze e dei ragazzi, facilitando l’assimilazione di concetti giuridici a volte particolarmente complessi. Negli incontri svolti con tali modalità, le domande sono in genere più frequenti e gli interventi sono caratterizzati da maggiore spontaneità.

Sino ad oggi è stato possibile organizzare le lezioni e gli incontri sia presso l’Università, invitando ad assistere gli studenti delle secondarie di II grado, sia presso le aule scolastiche, organizzando la trasferta del docente universitario a scuola, nel segno dello scambio di esperienze e conoscenze che si mira a realizzare. La situazione di emergenza sanitaria impone per questo anno scolastico di utilizzare la modalità a distanza.

Per la terza edizione del progetto “La Costituzione… aperta a tutti”- con la collaborazione dell'Istituto Einaudi di Roma, che lo sostiene assicurando il coordinamento con le altre scuole e fornendo la piattaforma per il collegamento telematico, e con il supporto del Ministero dell’Istruzione - sono previste lezioni inaugurali sulle parole chiave “Giustizia”, “Libertà” e “Onestà”. Successivi incontri di approfondimento saranno dedicati a: “Ambiente”, “Solidarietà e salute”, “Libertà ed eguaglianza”, “Libertà di manifestazione del pensiero”, “Libertà e responsabilità”, “Diritto di asilo e condizione giuridica dello straniero”, “Pena e risocializzazione”, “Lavoro e Repubblica democratica”, “La determinazione della politica nazionale”, “Le istituzioni di garanzia”, “Europa e diritti”.

È possibile seguire il convegno di presentazione del progetto su YouTube a questo link bit.ly/costituzioneapertaatutti

In allegato, la locandina con il programma del 25 gennaio e delle lezioni.

Film gratuito per la scuola e il Giorno della memoria: "Figli del destino", la storia (anche) di Liliana Segre

Continua la nostra rassegna di film per la scuola e, in particolare, in questo caso, per il Giorno della Memoria. 

In questo post consigliamo la visione di una bellissima pellicola: "Figli del destino".
Le vite di Liliana Segre, Lia Levi, Tullio Foà e Guido Cava vengono stravolte quando Vittorio Emanuele III firma le leggi razziali il 5 settembre 1938. Quella data segna, per i quattro ragazzi, l'inizio di una vita fatta di discriminazione, umiliazione, paura e sofferenze che culmina con la deportazione.
La ricostruzione delle loro vite è intervallata dalle testimonianze dei quattro protagonisti

Il film è visibile gratuitamente sul portale RaiPlay. Per fruirne è necessario essere registrati con username e password.

VAI AL FILM "FIGLI DEL DESTINO"

mercoledì 20 gennaio 2021

Giorno della Memoria: i migliori documentari gratuiti per la scuola


Riportiamo in questa pagina una serie di documentari utili per il Giorno della Memoria. Sono tutti gratuiti e liberamente fruibili: alcuni sono tratti dal portale Rai Play, altri da Youtube. 

Sono adatti a varie fasce di età, e ciascuno saprà valutare per i propri alunni o per i propri figli.

Raccolta di documentari: storie della Shoah
Al link proposto si trova una raccolta di 12 documentari adatti al Giorno della Memoria. Ciascuno sceglierà quello più adatto alle proprie esigenze.

Donne della Shoah: Tullia Zevi, Liliana Segre e le altre 
La Shoah e la persecuzione antisemita nazifascista raccontate dalle donne italiane che l'hanno vissuta sulla loro pelle e che hanno affidato i loro drammatici ricordi alle telecamere Rai. In questa raccolta, fra le altre, le storie di Tullia Zevi, Liliana Segre, Settimia e Giulia Spizzichino, Lia Levi ed Edith Bruck, nel loro impegno per non dimenticare e non far 
dimenticare.

La stella di Andra e Tati (ADATTO A TUTTI)
La vera storia delle sorelle Andra e Tatiana Bucci, deportate ad Auschwitz-Birkenau durante la Seconda guerra mondiale, all'età rispettivamente di quattro e sei anni, insieme a parte della loro famiglia

 Arnoldo Foà intervista Otto Frank, il padre di Anna Frank
Il padre di Anna Frank fu l'unico superstite dai campi di sterminio. Dopo la guerra venne a conoscenza del diario della figlia, lo lesse, lo corresse e lo diede alle stampe. Arnoldo Foa, in questo mini documentario, intervista proprio il padre dell'autrice del più celebre diario sulla Shoah.

Viaggio senza ritorno: il documentario di Ulisse (Alberto Angela) sulla Shoah
Il documentario parla del rastrellamento degli ebrei nel ghetto di Roma avvenuto il 16 ottobre 1943. Tutto era cominciato con le leggi razziali, che da un giorno all'altro avevano privato di tanti diritti e libertà migliaia di cittadini italiani solamente perché ebrei. Ed era finito con i campi di sterminio dai quali pochissimi si erano salvati dopo aver conosciuto ogni sorta di orrore. Alberto Angela racconterà le vicende nei luoghi stessi scenario dei tragici eventi. Il punto di forza sarà soprattutto la testimonianza diretta di coloro che sono scampati alla morte nei lager, certi che l'ascolto dalla loro viva voce sarà per i telespettatori una rinnovata occasione di riflessione, analisi e conoscenza. Tra le testimonianze quella della Senatrice Liliana Segre.

Shoah. I bambini hanno memoria - Il tempo e la storia
Lo speciale de Il Tempo e la Storia, in occasione del settantesimo anniversario della liberazione del campo di concentramento di Auschwitz. Le due sorelle Bucci vengono deportate dai nazisti nel lager polacco nel marzo del 1944. Sono tra le più piccole. E proprio sui più piccoli, sui bambini che subirono la deportazione, su quanti non tornarono mai, punta l'obiettivo lo Speciale, con immagini dell'epoca, reportage, testimonianze dei sopravvissuti, documenti e il contributo scientifico di docenti e storici.

Inferno sulla Terra - Giornata della Memoria 2018
Ubaldo Pantani è ad Auschwitz, Birkenau, Dachau, i tragici scenari in cui si è consumata la Shoah. Ma anche nei luoghi italiani dell'orrore: al forno crematorio della Risiera di San Sabba a Trieste; a Fossoli, in Emilia, nel campo di concentramento dove transitò Primo Levi; al Binario 21 della Stazione Centrale di Milano dove il 30 gennaio del '44 iniziò la deportazione della neo senatrice Liliana Segre e di altre migliaia di ebrei verso il campo di concentramento di Auschwitz - Birkenau. Fra le voci dei sopravvissuti italiani all'orrore della persecuzione razziale raccolte da Massimiliano Boscariol e Fabio Di Nicola c'è anche la tragica testimonianza di Enrico Vanzini, l'ultimo componente ancora in vita di un sonderkommando, costretto dalle SS a rimuovere i corpi di altri ebrei dalle camere a gas per portarli alla cremazione.

"Per questo ho vissuto" 
"Per questo ho vissuto" è il titolo dello speciale di Nel cuore dei giorni Arancio, condoto da Fabio Bolzetta, dedicato alla Giornata della Memoria. In studio Alberto Mieli, uno dei pochi sopravvissuti agli orrori di Auschwitz-Birkenau; 12 ragazzi dell'istituto Pio XI, ritenuto giusto fra le nazioni grazie all'eroica azione di padre Armando Alessandrini, direttore allora dell'Istituto stesso; Alberto Venezia, figlio di Shlomo Venezia, testimone della Shoà scomparso da 2 anni. In un servizio la testimonianza di Sami Modiano, ebreo italiano di Rodi sopravvissuto ad Auschwitz-Birkenau. I giovani del liceo ebraico Levi, raccontano il senso del Giorno della Memoria per tutti i giovani, ebrei e non ebrei.

Olocausto - Volevo Solo Vivere (Documentario Auschwitz-La Shoah Italiana)
Olocausto - Volevo Solo Vivere (Documentario Auschwitz-La Shoah Italiana): Video soggetto a limiti di età (per effetto delle Norme della community)

Kapo. Documentario israeliano. Film completo in italiano. Kapo (1999) è un film documentario israeliano sui kapos ebraici che hanno collaborato con i nazisti tedeschi nei campi di concentramento durante la seconda guerra mondiale. Il film è stato scritto, diretto e prodotto da Dan Setton, con Tor Ben Mayor e Danny Paran in collaborazione con Spiegel TV della Germania e Rai 3 d'Italia. È stato il primo film israeliano a vincere un Emmy Award internazionale, che ha ricevuto nella categoria Miglior documentario.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...