Seguici con il Feed Rss

Post in evidenza

GESTIONE DELLA CLASSE IN MODO INCLUSIVO

Materiali liberamente scaricabili relativamente al corso  INCLUSIONE E BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Questionario: scopri il tuo profilo di in...

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

venerdì 31 gennaio 2020

I meccanismi e le tecniche dei negazionisti, un video documentario da proiettare nelle scuole


Risultato immagini per negazionismo"

E' notizia recente che oltre il 15% della popolazione italiana nega l'esistenza della Shoah. Nel 2004 questa percentuale era appena il 2,7%.

La scuola non può restare inerme di fronte a questi numeri preoccupanti, ha la sua parte di responsabilità: il video documentario che viene riportato in basso riguarda proprio l'evoluzione delle teorie negazioniste e i canali e le tecniche utilizzati per screditare, banalizzare e negare uno dei più efferati eccidi della storia dell'umanità.


 Il negazionismo dell'Olocausto, così come lo conosciamo ancora oggi, ha origine nel 1948: da questo momento, gruppi di persone più o meno ampli, cellule afferenti a partiti politici di destra (ma il negazionismo non è solo "di destra", ovviamente), portano avanti una subdola azione di propaganda per negare ciò che è stato e che è sotto gli occhi di tutti. Gli intenti sono chiari: scagionare la parte politica che loro sostengono dalle responsabilità legate a questo spaventoso eccidio. 

Tra le tante tecniche argomentative - falsamente argomentative aggiungiamo - che usano i negazionisti ce n'è una che vale la pena descrivere (per le altre rimandiamo al documentario citato): essa consiste, nel momento in cui ci si ritrova a parlare della Shoah e dei crimini nazisti, nel concentrarsi su una parte, un tassello, un singolo episodio, evitando di fare riferimento al tutto.


Si cerca quindi qualcosa che non combaci tra la vasta quantità di materiali, documenti e testimonianze, e su quella - solo su quella - si fa perno. E' ovviamente possibile che il negazionista sia particolarmente erudito su quell'unico aspetto, e magari l'interlocutore non lo padroneggi abbastanza. Fatto sta che si parte da quel particolare, da quel pezzo minuscolo di un puzzle enorme, che non trova un perfetto incastro con gli altri, per negare l'intero puzzle.
 Insomma, come dire che basta un mattone messo male per negare la consistenza, e addirittura l'esistenza, dell'intero edifico.

Nel bellissimo documentario che riportiamo di seguo viene trattata sia la storia del negazionismo, che inizia fin da qualche mese dopo la fine della II guerra mondiale, sia le tecniche e gli espedienti subdoli che vengono usati per diffondere falsità e negare evidenze.

Se ne consiglia la visione nelle scuole secondarie.

Olocausto, ecco il video che rivela meccanismi e tecniche di chi nega la Shoah



giovedì 30 gennaio 2020

Giovanni Pascoli: video lezioni essenziali

Risultato immagini per giovanni pascoli"

Riportiamo in questo post tre video lezioni su Giovanni Pascoli per facilitarne lo studio o come supporto alla didattica.
I primi due sono tratti dal canale Treccani e riportano la vita in modo essenziale ma esaustivo.
 Il terzo, invece, è una video lezione del collega ed amico Prof. Tommaso Di Brango sulla poetica del Fanciullino.

VIDEO 1- La vita parte I

VIDEO 2 - La vita parte 2

LA POETICA DEL FANCIULLINO

Di seguito riportiamo gli stessi video visibili direttamente su questa pagina:

Video 1 - La vita



Video 2 - La vita parte 2



Video 3 - La poetica del Fanciullino

mercoledì 29 gennaio 2020

Olimpiadi di Filosofia, 28esima edizione - a.s. 2019/2020: termine candidature 31 gennaio 2020

Risultato immagini per olimpiadi filosofia"

Riportiamo il bando dal sito ufficiale dell'USR del Lazio:

Olimpiadi di Filosofia - XXVIII Edizione - a.s. 2019/2020 - 31 gennaio 2020 Scadenza candidature degli Istituti

SCARICA QUI IL BANDO


Fonte: https://www.usrlazio.it/index.php?s=1052&wid=8485

Insegnare a leggere l'orologio nella scuola primaria, schede e un percorso didattico da scaricare

Risultati immagini per leggere l'orologio

Leggere l'orologio, e più in generale conoscere la misura del tempo, sono abilità che gli alunni della scuola primaria devono acquisire. 

Per facilitare l'insegnamento dei docenti, e dunque l'apprendimento dei piccolini, riportiamo al link seguente un percorso didattico in 9 pagine gratuitamente scaricabile.

L'ultima delle schede proposte è un orologio da ritagliare e costruire. In più ve ne sono altre con esercizi da svolgere e una in particolare molto chiara per insegnare i criteri di misura del tempo dell'orologio a lancette.



Cliccando di seguito puoi scaricare anche un orologio di cartone, da ritagliare, costruire e colorare:

martedì 28 gennaio 2020

Esercizi di comprensione del testo per la scuola primaria: un intero percorso da scaricare sulla storia di Pinocchio

Risultati immagini per pinocchio

Proponiamo un bellissimo lavoro gratuitamente scaricabile al link in basso, di ben 144 pagine, che consiste in un percorso didattico di lettura e comprensione del testo.

Forse è vero che per far innamorare gli alunni alla scrittura dobbiamo cassare la pratica didattica di chiedere loro ogni volta che cosa hanno capito dopo un capitolo o una sezione di un qualsiasi testo

Se una cosa simile l'avessero richiesto a chi scrive, quando si imbarcò nel viaggio meraviglioso nella Russia dei Fratelli Karamzov, avrebbe lanciato via il romanzo dopo pochi istanti.
Eppure talvolta, per i più piccoli, un apparato di comprensione del testo può essere utile per motivi didattici e variamente utilizzabile dai docenti.

Questo plico può essere uno strumento valido per accompagnare gli alunni, per tutto l'anno scolastico, in un percorso di scoperta della storia del burattino più famoso del mondo e, insieme, di esercitazione nella comprensione del testo, perché contiene, per ogni capitolo della storia, un apparato di schede didattiche specifiche.

 E' l'esercizio della ricerca nel testo di indizi, nomi, frasi e inferenze che, nonostante tutto, è ancora utile.

Percorso didattico per sviluppare la comprensione del testo - PINOCCHIO: SCARICALO QUI

lunedì 27 gennaio 2020

Lezioni sulla Costituzione italiana, di Carlo Scognamiglio. Per la scuola secondaria di II grado

Risultati immagini per lezioni costituzione micromega

Riportiamo una bellissima iniziativa di diffusione e riflessione sulla Costituzione Italiana attraverso una serie di lezioni che, di volta in volta, prendono in esame un aspetto diverso della nostra Carta fondamentale.
L'iniziativa, come espresso nelle intenzioni dell'autore, si rivolge prevalentemente ai giovani, e perciò, dopo aver letto le lezioni, ci sentiamo di consigliarle ai ragazzi della
scuola secondaria di II grado.Conoscere la Costituzione significa comprenderne le radici storiche, le implicazioni filosofiche e le aspirazioni politiche. MicroMega propone un ciclo di brevi "lezioni" dedicate alla nostra Carta fondamentale - al di là di ogni vuota retorica sull'educazione civica - con lo scopo di risvegliare, soprattutto tra le giovani generazioni, un interesse concreto intorno ai valori che strutturano la nostra convivenza civile.

Le lezioni sono in continuo aggiornamento, quindi per le successive vi invitiamo a consultare il link riportato in basso alla voce "Fonte"

domenica 26 gennaio 2020

Turbe sessuali, alcool e oppiacei: Giovanni Pascoli come non lo avete mai visto

Siamo soliti immaginarci i grandi di ogni epoca, quelli che studiamo sui libri, circondati da una certa aura di santità e di perfezione. E invece capita di scoprirne delle belle andando a spulciarne la biografia. 


Un caso interessante, ad esempio, è quello di Giovanni Pascoli. Tutti lo associamo alle poesie “fanciullesche” di Myricae e dei Canti di Castelvecchio, alla corrente letteraria del Decadentismo e lo annoveriamo - non a torto, ci mancherebbe - tra i più grandi della letteratura italiana. Eppure la sua vita ci riserva tante altre strabilianti sorprese e curiosità. 
La sua grigia vita sentimentale e sessuale trapela già nelle antologie scolastiche, che attingono dalle sue stesse parole e opere: il rapporto morboso ai limiti dell’incesto con Mariù e Ida, due tra le sue sorelle con cui volle ricostruire “il nido” dell’infanzia, è ben noto; come anche la sua tormentata vita sessuale che egli stesso definì, proprio in una lettera a Mariù, “forzatamente casta e orribilmente mesta”, e arrivò persino a meditare il suicidio. Taluni, di recente, sospettano che fosse un frequentatore di bordelli ai tempi in cui insegnò a Matera, ma ci sembra improbabile alla luce delle sue stesse parole appena citate.
Eppure ebbe una corteggiatrice, una tale Giulietta Poggi, di cui rifiutò le attenzioni perché troppo magra e, parole sue, “tutt’al contrario del mio ideale”; ciò nonostante non ne rifiutò un dono, un anellino d’oro, che andò subito ad impegnare. Sì, perché pochi sanno che il Nostro Poeta, soprattutto durante gli anni universitari, era così in bolletta da essere costretto a chiedere gli avanzi dei ristoranti e delle trattorie bolognesi per poter mangiare. Per le stesse ristrettezze economiche, essendo insufficienti i denari della borsa di studio che aveva vinto, vestiva in modo sudicio, con abiti strappati e le suole delle scarpe tenute insieme da un esile pezzo di legno: proprio per questo usciva di casa prevalentemente di notte, per evitare di essere visto. 
Soffriva di varie nervosi e manie di persecuzione: era convinto che il prete di Castelvecchio fosse in combutta con la Camorra e che negli ambienti universitari gli mettessero i bastoni tra le ruote perché invidiosi del suo talento. Molti tra i grandi però, e non si sa se davvero per invidia o per convinzione, non furono affatto gentili né con la sua persona, né con la sua opera: Pirandello definì la raccolta Myricae “opera di stitico” e D’Annunzio, stuzzicato nell’orgoglio dallo stesso Pascoli, ci andò giù pesante. Accadde, infatti, che il nostro “fanciullino”, in un articolo, si permise di biasimare i letterati che preferivano lo sport allo studio: apriti cielo! Il Vate lo definì “una donnetta inacidita e pettegola” con il gusto di “centellinare il fiasco e di curare la stitichezza del suo cagnolino”.
Del resto Pascoli il fiasco lo centellinava davvero, probabilmente nel tentativo di sopportare meglio il dolore dei suoi lutti, i traumi dell’abbandono e tutte le nevrosi che ne discesero. Beveva moltissimo e potremmo definirlo, senza esagerare, un alcolista, tanto che persino a lezione, negli anni in cui si dedicò all’insegnamento nei licei, si presentava sbronzo e si addormentava profondamente persino a scuola al termine delle lezioni. L’abuso di alcool si accentuò quando la sorella Ida decise di sposarsi rompendo il nido familiare, quel triangolo sospetto a molti. A quel punto, per venire fuori dallo stato depressivo in cui era sprofondato, tentò di curarsi con il laudano, un calmante oppiaceo, celebre in letteratura perché fu usato da Anna Karenina.
Il fisico del poeta risentì di questi prolungati abusi, e ne fu la conseguenza il vistoso ventre prominente che nun sfugge a chi lo osserva nelle foto che lo ritraggono. 
A quel tempo qualcuno avrebbe potuto anche vederlo camminare in malo modo, ma non per l’elevato tasso alcolemico nelle vene, quanto invece per un difetto fisico congenito: un mignolo del piede che talvolta si gonfiava rendendogli complicata la deambulazione; addirittura in un’occasione dovettero tagliargli lo stivale per liberargli il piede. Pare persino che abbia rifiutato di sposarsi quando seppe che la futura moglie detestava quel difetto fisico. Roba da poeti. 

Sicurezza su internet. SID - safe Internate Day - Napoli, 11 febbraio 20202. Leggi qui

Risultati immagini per safer internet DAY

l Safer Internet Day (SID) è la giornata mondiale per la sicurezza in Rete istituita e promossa dalla Commissione Europea per un uso consapevole della rete, un ruolo attivo e responsabile di ciascuno per rendere internet un luogo positivo e sicuro.

Nel corso degli anni, il Safer Internet Day (SID) è diventato un appuntamento di riferimento per tutti gli operatori del settore, le istituzioni e le organizzazioni della società civile, arrivando a coinvolgere, oggi, oltre 100 Paesi.

In Italia il SID 2020 si terrà il giorno 11 febbraio 2020 presso il Museo Nazionale delle Ferrovie dello Stato di Pietrarsa, Napoli. 
“Together for a better internet” è il titolo scelto per l’edizione del 2020. La mattinata avrà come filo conduttore una riflessione guidata, relativa alle opportunità ed i rischi della rete, con interventi e attività che vedranno come protagonisti i giovani. L’iniziativa, organizzata dal Safer Internet Centre Italiano (SIC) – Generazioni Connesse e coordinata dal Ministero dell’Istruzione, si svolgerà in presenza di studenti e rappresentanti di Aziende, Associazioni e Istituzioni che aderiscono all’Advisory Board il tavolo ti consultazione del SIC.


venerdì 24 gennaio 2020

La stella di Andra e Tati, un cartone bellissimo sulla Shoah per tutte le età, tratto da una storia vera.

Risultati immagini per la storia di andra e tati

La stella di Andra e Tati è un cartone bellissimo della durata di 28 minuti che racconta la Shoah dal punto di vista di due bambini di 4 e 6 anni: è la vera storia delle sorelle Andra e Tatiana Bucci, deportate ad Auschwitz-Birkenau durante la Seconda guerra mondiale insieme a parte della loro famiglia. 

Si può vedere gratuitamente su Ray Play cliccando al link in basso:


LA STELLA DI ANDREA E TATI

********

LA TESTIMONIANZA REALE DELLE VERE PROTAGONISTE DI QUESTA STORIA la trovi di seguito:
"Avevamo 4 e 6 anni quando venimmo deportate", queste la parole di Andra e Tatiana Bucci, sorelle di origine ebrea superstiti dell'Olocausto. Ospiti da Fabio Fazio raccontano l'orrore vissuto: "Un altro mio cugino morì tra le braccia di sua madre che, dopo tutte le sue sofferenze, disse: finalmente". IL VIDEO LO TROVI QUI: Andra e Tatiana Bucci sopravvissute alla Shoah - Che tempo che fa:

OPPURE QUI IN BASSO:

giovedì 23 gennaio 2020

lunedì 20 gennaio 2020

La giornata della Memoria in un Padlet: per la primaria e la secondaria di I grado


Il link in basso vi rimanderà ad una bellissima risorsa didattica, di Donatella Calgaro.

In un unico padlet troverete una schermata ricchissima, con materiali di ogni tipo: video, canzoni, approfondimenti lessicali, poesie, e un lavoretto grazioso (dei libretti) da fare in classe in pochi minuti.




domenica 19 gennaio 2020

Compiti di realtà, una repertorio per la scuola dell'infanzia, primaria e secondaria di I grado. Scaricalo qui



REPERTORIO COMPITI DI REALTÀ - ISTITUTO COMPRENSIVO “G.CALO’”- GINOSA

La Commissione “Rubriche valutative e Compiti di realtà” dell' I.C. "G. Calo - Ginosa" ha realizzato il presente repertorio di compiti autentici per i tre ordini di scuola: infanzia, primaria e secondaria di primo grado.
E' un validissimo strumento per i docenti e ci complimentiamo con tutti i componenti della commissione che lo hanno realizzato. Nelle loro intenzioni "La carrellata di compiti autentici raccolti vuoleessere una proposta non solo e non tanto di esempi di prestazioni autentiche, quanto un invito a sperimentare una forma di valutazione diversa, a cui la scuola è chiamata rispondendo al cambiamento verso una didattica e un curricolo basato sulle competenze".

Buona abbuffata di compiti autentici :)



giovedì 16 gennaio 2020

La vita e il diario Anna Frank, con esercizi di comprensione, da scaricare. Per la primaria e la secondaria di I grado


Riportiamo al link in basso un testo adatto alle attività del Giorno della Memoria, che riporta informazioni sulla vita di Anna Frank e la composizione del suo diario. 

Riteniamo che il materiale proposto sia adatto alla scuola primaria e alla secondaria di I grado. Non è escluso che possa utilizzarsi anche nella secondaria di II grado per particolari esigenze didattiche.

Il testo, alla fine, è corredato da 20 domande di comprensione. Si consiglia di integrarlo con altre attività, che potete trovare anche su questo sito (CLICCANDO QUI).

Il file, in PDF, è liberamente scaricabile di seguito:


mercoledì 15 gennaio 2020

Matematica, scuola primaria: eserciziario da scaricare gratuitamente


Si tratta di un eserciziario di matematica per la classe II della scuola primaria, liberamente scaricabile e, all'occorrenza, stampabile.

Di seguito i contenuti in breve:
Ordinamenti, esercizi sull'abaco, rappresentazione grafica dei numeri, composizione e scomposizione, addizione e sottrazione, il doppio e la metà dei numeri, il paio, la coppia e il numero 100, numeri oltre il 100, problemi e prodotto cartesiano, tabelline, schede riassuntive, moltiplicazioni, relazioni d'ordine e di tempo, diagrammi di flusso, connettivi e valori di verità, regioni e confini, poligoni, simmetrie e lunghezze, la moneta, l'orologio, le indagini statistiche.


lunedì 13 gennaio 2020

I quadernoni delle maestre della scuola primaria: una ricca raccolta da consultare o scaricare

I quadernoni degli alunni hanno spesso alle spalle una sapiente regia delle maestrealcuni sono dei piccoli capolavori di metodo.

Di seguito ne riportiamo alcuni che gli insegnanti posso prendere ad esempio o a modello. Siamo di certo consapevoli che l'attività didattica, come anche la bravura di un insegnante, non si esaurisce da come struttura un quadernone; sappiamo bene che la didattica e la didassi sono tanto altro, eppure il quadernone, nella scuola primaria, è ancora un valido indice di qualità, perché rende meglio di qualsiasi altro strumento (ad esempio il registro dell'insegnante) il senso del percorso didattico che si sta compiendo, la logica degli argomenti e della loro presentazione.

Di seguito riportiamo alcuni quaderni della maestra P.I.C., che abbiamo trovato sbirciando on line.


Quadernoni classi 1 e 2 - Clicca qui

Quadernoni classi 3 


********
I quaderni di P.I.C. - Classe Prima


I quaderni di P.I.C. - Classe Seconda

I quaderni di P.I.C. - Classe Terza
I quaderni di P.I.C. - Classe Quarta
I quaderni di P.I.C. - Classe Quinta
********

Quadernoni classe 1 - Da Maestra Sabry

Quadernoni classe 2 - Da Maestra Sabry

Quadernoni classe 3 - Da Maestra Sabry

Quadernoni classe 4 - Da Maestra Sabry

Quadernoni classe 5 - Da Maestra Sabry


In più, puoi consultare questo link in basso che rimanda ad una pagina con una ulteriore raccolta di quadernoni:

Quadernoni di scuola elementare (digitalizzati) da visionare, per tutti e 5 gli anni

giovedì 9 gennaio 2020

Concorso nazionale per studenti: “Comunica l’Europa che vorresti”


Risultati immagini per comunica l'europa che vorresti

Il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (MIUR) e il Dipartimento per le Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri lanciano il concorso nazionale “Comunica l’Europa che vorresti”, rivolto agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado.

L’iniziativa intende stimolare un approfondimento e la condivisione dell’idea di Unione Europea, per analizzare in maniera propositiva il suo presente e il suo futuro, nonché individuare una modalità efficace di comunicare tali riflessioni.

Gli studenti sono chiamati a elaborare un video della durata massima di 3 minuti, da realizzare con smartphone, videocamera o con il software di video editing ritenuto più appropriato, che comunichi in modo emozionale, creativo e coinvolgente una visione dell'UE di chi è “nato europeo” e desidera illustrare ai suoi coetanei la propria idea di Europa.

Il video dovrà essere inviato entro il 30 marzo 2020 secondo le modalità indicate nel bando del concorso, dove sono anche segnalati i materiali di approfondimento da consultare.

I lavori presentati saranno valutati da una Commissione esaminatrice che selezionerà i migliori tre video prodotti. Le classi vincitrici saranno premiate con una visita alle istituzioni europee a Bruxelles, organizzata dal Dipartimento per le Politiche Europee e dal MIUR, in collaborazione con gli Uffici del Parlamento europeo e della Commissione europea.


Bando di concorso Dipartimento Politiche Europee - PCM MIUR a.s. 2020-2021

Circolare concorso DPE - MIUR_a.s. 2020-2021

mercoledì 8 gennaio 2020

Quadernino delle regola di matematica per alunni con DSA: puoi scaricarlo qui

Risultati immagini per DSA

Si tratta di un utile quadernino per DSA e non, per studiare, per ripassare, per avere a portata di mano le regole fondamentali della matematica.

Una competenza dell'alunno con DSA, del resto, deve essere anche quella di saper utilizzare le risorse a sua disposizione là dove non riesca, non possa, memorizzarle per le ragioni del suo disturbo.
Il massimo, ovviamente, sarebbe costruire un quaderno personalizzato da parte dell'alunno, ma in alternativa questo è un ottimo strumento.


Ogni insegnante può decidere come meglio usarlo.


martedì 7 gennaio 2020

MIUR. Settimana di azione contro il razzismo e Concorso nazionale: Premio Mauro Valeri "In campo contro il razzismo"

Mauro Valeri Riportiamo dal sito ufficiale del MIUR:

In occasione della ricorrenza della "Giornata internazionale contro le discriminazioni razziali" che si celebra il 21 marzo con l'obiettivo di promuovere attività culturali di sensibilizzazione e di informazione volte ad accrescere una coscienza multietnica e inclusiva presso l'opinione pubblica e fra le giovani generazioni, il MIUR e l'Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali (UNAR) del Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri promuovono la XVI edizione "Settimana di azione contro il razzismo"

Circolare Settimana azione contro razzismo Premio Mauro Valeri

Concorso per le scuole Mauro Valeri


Chi era Mauro Valeri
Si è spento a 59 anni. Fu storico e divulgatore delle discriminazioni vissute nello sport. Ha collaborato anche con Gazzetta e ha fatto della lotta al razzismo una ragione di vita



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...