Seguici con il Feed Rss

Post in evidenza

GESTIONE DELLA CLASSE IN MODO INCLUSIVO

Materiali liberamente scaricabili relativamente al corso  INCLUSIONE E BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Questionario: scopri il tuo profilo di in...

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

martedì 17 settembre 2019

Educazione emotiva: "La bussola delle emozioni", l'ultimo libro di Alberto Pellai, corredato da una ricca filmografia ... utilissima a scuola

Risultati immagini per la bussola delle emozioniDopo tanti anni trascorsi a lavorare con bambini e ragazzi mi rendo conto che è davvero urgente, anche nelle scuole, una seria educazione alle emozioni. Educarle non vuol dire creare a tutti i costi le condizioni in cui esse smettano di esistere, di manifestarsi. No, proprio no; sarebbe impossibile. Le emozioni esistono e non si tarpano. Non si spiegano, si dispiegano. Non si controllano, si riconoscono e si accettano.
 Tutto questo è possibile anche grazie ad un serio intervento educativo e il libro che segnaliamo oggi - La bussola delle emozioni - fa proprio a questo caso.
Gli autori sono Alberto Pellai e Barbara Tamborini.


La bussola delle emozioni (Mondadori, 255 pagine) è un libro a uso e consumo dei ragazzi, per orientarli tra gli alti e bassi umorali dei loro anni. Propone anche una mini-bussola per genitori, utile a riconoscere e a gestire le quattro emozioni più ostiche: tristezza, paura, rabbia e disgusto.
Si tratta di una guida all’autoanalisi di reazioni e comportamenti in cui gli stessi giovani spesso faticano a riconoscersi.
 Venirne a capo è una gran fatica: richiede tempo e impegno. Il volume, con tanti esempi pratici e una bella filmografia, è scritto per gli adolescenti, ma Pellai ha qualcosa da dire anche a noi adulti”

Se il libro ti interessa, se ti è utile perché sei un genitore, un insegnante, un educatore, puoi trovarlo ai link in basso:

Edizione cartacea - "La bussola delle emozioni. Dalla rabbia alla felicità, le emozioni raccontate ai ragazzi"

Edizione e-book - "La bussola delle emozioni. Dalla rabbia alla felicità, le emozioni raccontate ai ragazzi"




Di seguito la presentazione dalla quarta di copertina:


Ti sei mai chiesto perché a volte tutto funziona alla perfezione nella tua testa e a volte invece sembra che ci sia il terremoto? Perché ti arrabbi all'improvviso per motivi apparentemente banali, o per un no da parte dei tuoi genitori? Come mai con un professore ti senti rilassato quando ti interroga e dai il meglio di te e con un altro invece sei agitatissimo e rischi di prendere un brutto voto? Immagina di poter avere tra le mani una vera e propria bussola per orientarti nel complesso territorio delle emozioni primarie: la tristezza, la paura, il disgusto, la rabbia, la sorpresa e la gioia. Grazie a essa riuscirai a mettere a fuoco perché in determinati momenti ti comporti in un modo che a volte fatichi tu stesso a spiegarti. Per ogni emozione troverai: un test che ti aiuterà a capire che rapporto hai con essa; un racconto di vita personale con cui confrontarti e riflettere; una spiegazione di come funziona il nostro cervello; consigli pratici su come gestire al meglio ogni situazione. Per finire, una filmografia pensata ad hoc per rivivere ogni singola emozione tra lacrime e risate. Età di lettura: da 10 anni

lunedì 16 settembre 2019

MIUR. Circolare e decreto per valorizzazione delle eccellenze 2019/2020 - Studenti scuole secondarie II grado a.s. 2019-2020

Risultati immagini per valorizzazione eccellenze

Poiché crediamo che non si faccia abbastanza per la valorizzazione delle eccellenze, che a volte vengono "sacrificate" e trascurate, riportiamo come ogni anno le circolari e i decreti che disciplinano questo ambito che possiamo a ragion veduta far rientrare nei bisogni educativi speciali.


***********************

Circolare e decreto per valorizzazione delle eccellenze 019/2020 - Studenti scuole secondarie II grado a.s. 2019-2020

Riportiamo dal sito del MIUR la Circolare n.1 del 10 settembre 2019 e il Decreto ministeriale n.541 del 18 giugno 2019 circa la valorizzazione delle eccellenze:

- Circolare n.1 del 10 settembre 2019

Decreto ministeriale n.541 del 18 giugno 2019


Fonte: https://www.miur.gov.it/web/guest/-/valorizzazione-delle-eccellenze-studenti-scuole-secondarie-ii-grado-a-s-2019-2020

mercoledì 11 settembre 2019

Le nuove norme sull'Inclusione: Profilo di funzionamento su base ICF-CY e Piano educativo individualizzato

Risultati immagini per Profilo di funionamento su base ICF-CY e Piano educativo individualizzato. Con aggiornamento onlineCon il Decreto Legislativo 66/2017, modificato alla fine di luglio 2019, cambiano alcune delle norme che fino ad ora hanno regolato l'Inclusione degli alunni con disabilità.

 Le novità sono diverse, come per esempio quelle riguardanti la diagnosi della disabilità, l'istituzione dei GIT, dei Gruppi di lavoro Operativi (GLO), il Profilo di Funzionamento.

Ovviamente per vederci chiaro in ogni aspetto della nuova normativa bisogna attendere i decreti attuativi, e la recente crisi di Governo ha provocato un generale rallentamento dell'iter che porterà alla piena attuazione di tutti i suoi aspetti.


Ad ogni modo, tra le altre cose ci interessa sottolineare l'importanza che si dà alla realizzazione del profilo di funzionamento e del PEI secondo il modello 
ICF-CY (Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute - versione per Bambini e Adolescenti).

Il modello ICF-CY non è affatto una novità in Italia, e già da anni gli esperti in materia d'inclusione insistono sull'utilizzo di tale strumento nell'eleborazione del PDF (Profilo di Funzionamento) che di fatto con il D.Lgs 66/2017 viene inglobato, insieme alla Diagnosi Funzionale, in un unico documento, vale a dire il Profilo di Funzionamento già citato; finora, però, non vi era un esplicito richiamo normativo affinché venisse utilizzato nei documenti dell'inclusione e nella progettazione didattica per alunni con disabilità.


Dunque, cosa fare di tutte queste novità? Come realizzare un PEI (e prima ancora un Profilo di Funzionamento) secondo l'ICF-CY? Come contribuire, da docente, alla definizione del Profilo di Funzionamento orientandosi tra i codici del modello ICF (che ad un primo acchito possono spaventare, ma che con un po' di pratica diventano facilmente accessibili)?

E come realizzare un PEI tenendo conto della didattica per competenze a cui, inevitabilmente, occorre attenersi?


Ci aiuta a rispondere a tutte queste domande un ottimo testo edito dalla Erickson dal titolo "Profilo di funzionamento su base ICF-CY e Piano educativo individualizzato. Con aggiornamento online", di Sofia CramerottiDario Ianes Caterina Scapin  

Consigliamo la lettura (o lo studio, se si preferisce) di questo testo perché guida l'insegnante in tutti i principali concetti della materia, fornisce materiali, guide, aggiornamenti on line e un portale su cui compilare in modo guidato il PEI.


Il Libro lo trovi qui

Profilo di funzionamento su base ICF-CY e Piano educativo individualizzato. Con aggiornamento online




Dalla quarta di copertina:
Quest'opera guida il lettore - attraverso numerosi esempi e spunti operativi - nelle diverse fasi che, partendo dalla definizione del Profilo di funzionamento dell'alunno sulla base del modello bio-psico-sociale ICF-CY (OMS), portano alla stesura del Piano educativo individualizzato (PEI). La prima parte del libro presenta un'ampia trattazione normativa e, a seguire, una riflessione teorico-metodologica in merito alle recenti novità introdotte a partire dal Decreto 66/2017 per quanto riguarda il Profilo di funzionamento e la stesura del PEI. La seconda parte si focalizza invece in particolare sulle strategie e gli approcci metodologici per impostare un PEI per competenze, vicino a quelli che sono i reali bisogni educativo-didattici dell'alunno con disabilità. Basandosi sulle novità provenienti dalla ricerca scientifica e dall'esperienza «sul campo» relative agli approcci pedagogico-didattici più efficaci nel lavoro di progettazione educativa individualizzata per gli alunni con disabilità, la Guida Profilo di funzionamento su base ICF-CY e Piano educativo individualizzato si propone come versione aggiornata della storica guida metodologica per la stesura del PEI fondata da Dario lanes e Fabio Celi nel 1993.

Profilo di funionamento su base ICF-CY e Piano educativo individualizzato. Con aggiornamento online

lunedì 9 settembre 2019

Gemma Edizioni, l'editoria entra in classe: progetti di scrittura per tutte le scuole

Riportiamo di seguito un interessante progetto dell'Editore Gemma rivolto alle scuole di ogni ordine e grado.

La Casa Editrice Gemma Edizioni ha ideato un progetto editoriale a livello nazionale con il quale bambini e ragazzi hanno l’opportunità di scrivere e pubblicare un libro, con la collaborazione dei loro insegnanti.
 Sono nate raccolte di favole, raccolte di racconti/poesie, guide turistiche e letterarie, libri di ricette, fumetti, libri illustrati, manuali.
L’intento è quello di offrire ai giovani l'opportunità di approcciare alla scrittura, rendendoli protagonisti attivi nella costruzione di un libro, con la consapevolezza che questo possa promuovere l'importanza della lettura, la loro autostima e una conseguente crescita interiore e culturale.

I volumi fanno parte di tre collane
- “Favole di Cioccolata” e a scrivere sono i bambini della scuola dell’infanzia e primaria; “Selfie di noi junior” per gli alunni della secondaria di primo grado;

-“Selfie di noi” riservata agli studenti degli Istituti di Istruzione superiore ai quali diamo anche la possibilità di attivare Percorsi Gratuiti per le Competenze Trasversali per l’Orientamento - Alternanza scuola-lavoro, che saranno valevoli come Corso di Aggiornamento anche per i docenti coinvolti ai quali, alla fine del progetto sarà rilasciato un ATTESTATO di FREQUENZA firmato dall’Amministratore della Casa Editrice e dal Dirigente d’Istituto.

Ci sono due vincoli per poter aderire a questo progetto:
1) essere tra le prime 15 scuole a provincia a farne richiesta;
2) impegnarsi ad acquistare, a fine progetto, quindi a libro pronto per la stampa, un numero minimo di 150 copie a un prezzo unitario (iva assolta dall’editore) di € 13,00 che diventa € 16,00 se la scuola decide di pubblicare un libro con l’interno a colori. La Casa Editrice offre gratuitamente servizi editoriali di supporto per la creazione di contenuti, cura redazionale dei testi, editing, correzione di bozze, creazione del progetto grafico, impaginazione, revisione delle traduzioni, stampa.

Per ordini pari o superiori alle 200 copie, parte dei proventi, nella misura di € 400,00 a volume realizzato, sarà devoluta all’Istituto scolastico aderente che potrà decidere di utilizzarla in progetti scolastici scelti a discrezione del Consiglio d’Istituto e del Dirigente stesso. Se la scuola dovesse ordinare un numero pari o superiore alle 300 copie, il bonus salirà a € 700,00. Per i successivi ordini, di 100 copie in 100 copie, l'Istituto riceverà una ulteriore devoluzione pari al 30% sul prezzo di copertina.

Per le specifiche consultare il Regolamento presente negli allegati e visionabile sul nostro sito www.gemmaedizioni.it, dove troverete i percorsi che abbiamo effettuato con più di 100 scuole in tutta Italia riuscendo a devolvere - fino a giugno 2019 - Euro 30.000,00. Importo in crescita continua!

lunedì 19 agosto 2019

Letture d’agosto: Yuval Noah Harari, SAPIENS. DA ANIMALI A DEI: BREVE STORIA DELL’UMANITÀ, Bompiani

Letture d’agosto: consiglio n. 8

Yuval Noah Harari, SAPIENS. DA ANIMALI A DEI: BREVE STORIA DELL’UMANITÀ, Bompiani

Tempo di lettura: poco, se vi prende. E vi prenderà

Immaginate una persona estremamente intelligente, estremamente colta e padrona della sua materia, con un’ottima capacità rielaborativa, una eccellente padronanza delle fonti, un humor sottile e che sia, nello stesso tempo, priva di peli sulla lingua. Poi immaginate che questa persona scriva una storia dell’umanità suddivisa in capitoli che affrontano i nodi fondamentali che ci hanno portato dall’Africa occidentale al resto del Pianeta: la rivoluzione cognitiva, agricola, industriale ...
Ora immaginate cosa può venirne fuori: un libro brillante, che si legge come un romanzo e che vi tieni incollati alle pagine piene di aneddoti e chiavi di lettura dei principali eventi dell’umanità a cui forse non avevate pensato. Un libro da cui imparare davvero un sacco di cose.
L’autore è uno storico, saggista e professore universitario israeliano, oltre che seguitissimo YouTuber, insignito di diversi premi per la ricerca e soprattutto per la sua capacità divulgativa.

Avvertenza: Dopo le prime 20 pagine, se vi piace l’argomento e la saggistica, non vi staccherete più dal libro.

https://amzn.to/2Zmc4Tb - Cartaceo

https://amzn.to/2KMSE04 - EBook

sabato 17 agosto 2019

Letture d’agosto: consiglio n. 7 Indro Montanelli, STORIA DEI GRECI, BUR

Letture d’agosto: consiglio n. 7

Indro Montanelli, STORIA DEI GRECI, BUR

Tempo di lettura: 6/7 ore

Conosciamo Montanelli soprattutto per due ragioni: per essere stato (forse) il più grande giornalista italiano, almeno da quando c’è la Repubblica, e per una celeberrima “Storia d’Italia” che ha appassionato anche i più recalcitranti alle vicende della nostra Penisola, dall’Antica Roma ad oggi.
Pochi sanno invece che, tra le altre cose, questo coltissimo e poliedrico giornalista ha composto anche una “Storia dei Greci” tutta da assaporare. Anzitutto “dei Greci” sta a significare che si riferisce ad un popolo che, per ragioni politiche e geografiche, non ha mai costituito uno Stato: c’erano dunque Ateniesi, Spartani, Corinzi, Tebani, ma non esistevano “i Greci” come unico popolo organizzato in Stato, a differenza, ad esempio, dei Romani, dei Persiani, dei Babilonesi
In questo intreccio di vicende tra poleis, l’Autore esplora i costumi, le principali vicende politiche e belliche, il genio filosofico (senza scandalizzarsi di entrare sotto le coperte, tra gli altri, di Platone) e drammaturgico di un popolo che probabilmente ha influenzato più di ogni altro la vita e il pensiero di tutto l’occidente. 
Si leggeranno con piacere le più intricate vicende storico politiche presentate con una linearità invidiabile, stralci di pungente ironia o di humor composto, biografie eccellentissime di personaggi eccellentissimi. 
Insomma, da leggere.

Il libro lo trovi qui

mercoledì 7 agosto 2019

Letture d'agosto: L'AULA VUOTA. COME L'ITALIA HA DISTRUTTO LA SCUOLA, di Ernesto Galli della Loggia

L'aula vuota. Come l'Italia ha distrutto la scuola, di Ernesto Galli Della Loggia

Probabilmente molti contenuti di questo testo possono non essere condivisibili. Altrettanto probabilmente qualche pedagogista potrebbe risentirsi di alcune osservazioni tutt'altro che tenere che l'Autore rivolge alla sua professione.

Vero è che un principio presente nel testo è indiscutibile, e forse ne è addirittura la colonna portante: la constatazione che, di fronte alla scolarizzazione di massa che ha portato nelle scuole italiane studenti provenienti dai più disparati contesti sociali, anziché dare di più e meglio a chi si trovava in situazioni di svantaggio si è invece "abbassata l'asticella" per tutti. Anziché potenziare l'offerta, in special modo a chi aveva in partenza di meno, si è svilita la domanda, rendendo la scuola apparentemente "di tutti", ma lasciandola in balia di chi, disponendo di risorse economiche che altri non hanno, quel "di più" lo ha cercato e lo cerca altrove, a suon di quattrini: master, perfezionamenti, scuole di élite, studio all'estero.
Ernesto Galli della Loggia, che probabilmente non è un addetto ai lavori, ma che certo è un intellettuale lucido ed onesto, evidenzia in un percorso storico senza fronzoli l'evoluzione della scuola italiana che ha aderito alle differenze senza fare la differenza; che spesso ha perso l'essenziale per il superfluo.


Il libro, inoltre, mette sotto accusa i miti culturali responsabili della crisi attuale: l'immagine a tutti i costi negativa dell'autorità, l'obbligo assegnato alla scuola di adeguarsi a ciò che piace e vuole la società (dal digitale al disprezzo per il passato), la preferenza del «saper fare» sul sapere in quanto tale, la didattica «attiva» e di gruppo. Altrettanti ideologismi che sono serviti a oscurare il ruolo dell'insegnante, la misteriosa capacità che dovrebbe essere la sua di trasmettere la conoscenza e con essa di assicurare un futuro al nostro passato.


Un pedagogista come Dario Ianes ha apprezzato questo libro, nonostante l'Autore, lo ripetiamo, non sia affatto clemente con la categoria.

 A questo proposito scrive:
Una voce severa contro una scuola debole, asservita e riproduttrice delle disuguaglianze sociali e funzionale alla inesistente politica, senza contestazioni studentesche né familiari, una voce impegnata verso un’istruzione alta ed emancipatrice davvero, in una scuola “bastione di un’orgogliosa diversità dalla società”.
L’autore non è tenero con i pedagogisti, ma da pedagogista sono più in accordo che disaccordo

Un'ulteriore e valida ragione per leggerlo.



**********************

martedì 6 agosto 2019

Letture d'agosto: CONTRO NATURA. UNA LETTERA AL PAPA, di Francesco Remotti

Immagine correlata
Tempo di lettura: 2/4 giorni circa

Quando nei dibattiti si sente "questo è contro natura", oppure "quello è naturale" dovremmo davvero chiederci cosa intendiamo e cosa davvero è, o vuole, la natura.

Nei dibattiti contro il divorzio si invocava la natura, contro l'omosessualità si invoca la natura, contro la famiglia allargata lo stesso. La Costituzione parla di famiglia naturale, e ogni volta in cui ci si allontana da quel prototipo si assume in risposta che essa stessa è la voce di un ordinamento naturale immutabile e incontrovertibile. Eppure in Italia sono più le coppie che si discostano sensibilmente da quel modello di quelle che vi aderiscono.
Si stabilisce anzitutto che la natura non sbaglia (come se l'uomo vivente e agente non fosse egli stesso parte o prodotto della natura), poi si stabilisce la norma naturale e alla fine si fissano i paletti.

Questo meraviglioso libro di Francesco Remotti, antropologo di fama mondiale e docente presso l'università di Torino, descrive ciò che la natura ha riservato ai Sapiens, cioè a noi bipedi di questa specie, rispetto ai costumi sessuali e ai modi di intendere la famiglia. Ovviamente in altre parti della terra, perché come funziona dalle nostre parti lo sappiamo bene. O quasi.
E allora si scopre, con uno sforzo di umiltà e dopo essersi brigati di ascoltare anziché sentenziare, che in altre parti del mondo esistono famiglie matriarcali molto diverse da quelle della nostra cultura; è diffusa la poligamia, sia sotto forma di poliginia che di poliandria. Quindi più mogli per un marito o più mariti per una moglie. E in alcune aree del Tibet le cose vanno ancora diversamente: da un contesto poligamico si passa via via ad un contesto monogamico.
E le persone sono spontaneamente felici. Non si pongono alcun problema rispetto ad una presunta diversità o anormalità.
Ne scopriremo delle belle anche nel sud ovest della Cina, dove... non ve lo spoilero, ma è davvero interessante :)
E ancora: cosa dire dei "two spirits" delle tribù indiane del Nord America o delle diverse confessioni cristiane - tutte, beninteso, si ispirano allo stesso libro sacro, la Bibbia - in cui a volte si è poligami e altre volte monogami?
E sulle isole Trobriand, dove non esistono perversioni né c'è alcuna traccia della fase edipica nello sviluppo psico-sessuale degli individui?
Si potrebbe continuare a lungo.

Insomma, per uscire dai pregiudizi, dalle sciocche prese di posizione e dall'arroganza della superiorità della propria cultura (o, talvolta, della propria fede), bisogna mettersi in ascolto davvero, in un atteggiamento di scoperta della meravigliosa varietà di abitudini dell'homo sapiens.
Consiglio questo libro perché aiuta a cambiare prospettiva, perché insegna l'umiltà e la varietà del mondo, intesa come una risorsa e non un limite.
E' un libro in cui si possono trovare risposte interessanti a domande altrettanto interessanti, prendendo spunto da alcune pagine del filosofo Montaigne, che ci spiega con assoluta chiarezza l'errore fondamentale che sta dietro l'arroganza di cui siamo capaci: la violenza dell'arbitraria sostituzione di ciò che è cultura con ciò che è natura.

Il libro lo trovi qui:



******************

lunedì 5 agosto 2019

Letture di agosto: DESTRA E SINISTRA, RAGIONI E SIGNIFICATI DI UNA DISTINZIONE POLITICA, di Norberto Bobbio

Risultati immagini per DESTRA E SINISTRA norberto bobbio"Tu sei di destra, lui di sinistra."
"Questa è un'idea che con la sinistra non c'entra nulla."
"Dice di essere di sinistra ma fa cose di destra."

Domanda fondamentale: ha senso oggi, in politica, parlare ancora di "destra" e "sinistra"?

E se ha senso, cosa vuol dire in concreto essere "di sinistra" o essere "di destra"? Norberto Bobbio filosofogiuristapolitologostorico e senatore a vita italiano - risponde a queste domande, in modo conciso e chiarissimo, in un libro illuminante e di facile lettura.

Come ogni cosa, anche questi cardini politici hanno alla base un orizzonte filosofico. Insomma, perché si diano delle categorie serve un pensiero che le partorisca e le definisca. 
E dunque si parte da due principi antitetici: c'è chi ritiene gli uomini uguali dalla nascita e resi poi differenti dalla società, dalle ingiustizie, dalle diverse opportunità, e c'è chi ritiene gli uomini diversi tra loro "per natura" fin dal principio; sopraggiungono poi, innaturalmente, tentavi egualitari di livellamento ed equiparazione.

 Ebbene, il primo pensiero fa capo a Rousseau e il Secondo a Nietzsche. Il primo è "di sinistra", il secondo "di destra".
Il "polemos" tra i due opposti oscilla sul piano dell'egualitarismo e del'adesione o meno ai principi democratici.

In estrema sintesi, Norberto Bobbio racchiude l'orizzonte politico in quattro gruppi:


1. L'estrema destra: antidemocratica e anti egualitaria;
2. Il centro destra: democratico e anti egualitario;
3. Il centro sinistra: democratico ed egualitario;
4. L'estrema sinistra: antidemocratica ed egualitaria.

Il libro merita davvero e aiuta a pensare:






Per correttezza va citata la risposta che 
Marcello Veneziani, giornalista che "proviene da studi filosofici", dà a Bobbio nel libro SINISTRA E DESTRA. RISPOSTA A NORBERTO BOBBIO (https://amzn.to/2T3H0Sg)

giovedì 1 agosto 2019

Letture di agosto: DIALOGO SU ETICA E SCIENZA, Emanuele Severino ed Edoardo Boncinelli

Risultati immagini per dialogo su etica e scienzaLetture di agosto: consiglio 1

Emanuele Severino, Edoardo Boncinelli - DIALOGO SU ETICA E SCIENZA
Tempo di lettura: 3 ore circa
*****************
Premessa: preferisco i saggi, che in genere sono un po' più "pesanti" delle storie dei romanzi.
Premessa conclusa.
E' annoso il dibattito sui reciproci confini entro cui sia la scienza sia l'etica devono mantenersi. Forse più la scienza, a cui si pretende di dire: "Alt! Oltre questo limite non puoi andare, perché sconfineresti in ciò che non ti compete".
Eppure negli ultimi decenni la tecnoscienza, forte di una base che si è andata via via costituendosi, si va divincolando dai lacci dell'etica. Ma dire etica vuol dire pensiero su ciò che si ritiene giusto o sbagliato. E dunque: qual è la fondazione di quel ritenere le cose giuste o sbagliate?
Potrebbe davvero esistere il potere smisurato della tecnoscienza se non vi fosse un pensiero alla base che le legittima dicendo: "Tu puoi fare quello che ti pare"?
Di questo e di altro si discute nel libro, che riporta il dibattito tra Emanuele Severino, filosofo, ed Edoardo Boncinelli, scienziato. Entrambi nel loro ambito godono di fama mondiale.
Chi la spunta, tra i due, sarà evidente. Si veda a questo proposito la stoccata finale nelle postille riportate al termine del testo. Buona lettura


lunedì 8 luglio 2019

LA DEGENERAZIONE DELLA SCUOLA - Umberto Galimberti

Nel video riportato in basso ascoltiamo le parole di Umberto Galimberti sulla scuola.

Nell'intervista rilasciata a ByoBlu, il filosofo, saggista e docente universitario, interviene sul mondo dell'insegnamento, della socializzazione, delle facili diagnosi di DSA e sul ruolo dei genitori. Non mancano considerazioni, che certo provocano e fanno discutere, sul mondo digitale e su altri problemi alla ribalta della cronaca.

"Speranze non ne ho": conclude così l'intervista, lasciando molti interrogativi, e un poco di amaro in bocca.






sabato 15 giugno 2019

Un libro per l'estate: "Il lupo e il filosofo. Lezioni di vita dalla natura selvaggia"

Si tratta di un libro intelligente, scorrevole. Si legge con poche ore.

Adatto a chi ama gli animali, la vita e, perché no, le riflessioni esistenziali.

Alla vicenda narrativa, che racconta la storia del protagonista e del suo lupo Brenin, si alternano riflessioni intelligenti di carattere filosofico (l'Autore, Mark Rowlands, che poi è anche il narratore, è un docente di filosofia all'università di Miami), senza che per questo il libro diventi pesante o appannaggio di pochi. Tutt'altro.

Tutto il libro procede attraverso un intreccio ben ponderato in cui tra la dimensione umana e quella animale c'è un commovente interscambio: il lupo trasmette l'animalità al padrone e il padrone civilizza il lupo. Entrambi prendono qualcosa l'uno dall'altro, in un'osmosi che creerà tra loro un legame fortissimo, indelebile.


Mark Rowlands e Brenin
Sono molto interessanti le descrizioni delle abitudini di questo affascinantissimo animale, che nell'immaginario di tutti i popoli vive al confine tra il mondo civilizzato e la natura selvaggia, che segue le leggi del branco e che, in questo caso, sceglie un assistente di filosofia squattrinato, misantropo e a tratti eccentrico come suo fedele capobranco.
E' la parabola di vita di un lupo, inserita in una parte di vita di un essere umano, che da questo singolare rapporto uscirà diverso, cambiato, diversamente vivo. 

Il libro vi lascerà il magone per qualche ora (vi consiglio di munirvi di fazzolettini di carta), insieme ad un senso di tenerezza e autenticità che vi porterete piacevolmente dentro. 

Buona lettura e, se vi va, fatemi sapere nei commenti come è andata :)



mercoledì 12 giugno 2019

Prova di italiano nuovo esame "terza media": proposte per tutte le tipologie


Di seguito riportiamo tre files con, all'interno, alcune proposte di tracce per la nuova prova scritta di italiano, già in vigore dall'a.s. 2017/2018.

Si tratta di esempi che, di fatto, possono essere estrapolati di sana pianta ed utilizzati oppure possono essere presi a modello per formularne di simili.

Per qualsiasi segnalazione il lettore può usare i commenti in calce al post. Buon lavoro!


ESEMPI TIPOLOGIA A - TESTO NARRATIVO

ESEMPI TIPOLOGIA A - TESTO DESCRITTIVO

ESEMPIO TIPOLOGIA B - TESTO ARGOMENTATIVO

ESEMPIO TIPOLOGIA C - Comprensione e sintesi di un testo letterario, divulgativo, scientifico, anche attraverso richieste di riformulazione

ESEMPIO PROVA STRUTTURATA IN PIÙ PARTI, RICONDUCIBILI ALLE TIPOLOGIE A -B - C



P.S. Lo sappiamo: si chiama scuola secondaria di I grado, ma abbiamo riportato il vecchio nome, terza media, per fare essere più ... immediati. 😊

lunedì 10 giugno 2019

La Fenomenologia dello Spirito. Capire le grandi opere

Riportiamo in fondo a questo post un interessantissimo intervento, in due puntate, del prof. Lucio Cortella sulla Fenomenologia dello Spirito di Hegel.

Lucio Cortella è attualmente Professore ordinario presso il Dipartimento di Filosofia e Beni culturali dell'Università Ca' Foscari di Venezia, dove insegna Storia della Filosofia e Storia della Filosofia moderna e contemporanea. Clicca qui per il curriculum del prof. Cortella



Lucio Cortella e G. W. F. Hegel - La fenomenologia dello Spirito [Parte I]

Lucio Cortella e G. W. F. Hegel - La fenomenologia dello Spirito [Parte II]





mercoledì 5 giugno 2019

Karl Marx, "Il Capitale". Capire le grandi opere

Riportiamo di seguito una lezione sul "Capitale" di Karl Marx tenuta dal professor Roberto Finelli.

Roberto Finelli si è laureato nel 1971 presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Roma con una tesi su «L’idea di ragione nella filosofia di A. Banfi» (relatore prof. Gennaro Sasso, correlatore prof. Guido Calogero)

Dal 1 novembre 2008 Professore ordinario di Storia della filosofia presso il Dipartimento di Filosofia dell'Università di Roma Tre.

Curriculum del prof. Finelli



Roberto Finelli - Karl Marx, "Il Capitale" (parte prima)



giovedì 23 maggio 2019

Insegnare a prendere appunti: il metodo Cornell o "delle 6R"

Prendere appunti è un'importantissima abilità attraverso cui selezioniamo, registriamo e cataloghiamo informazioni che riteniamo rilevanti per il nostro studio. 

Possiamo prendere appunti in varie circostanze: mentre assistiamo a lezioni (spiegazioni in classe, seminari, conferenze, laboratori, workshop), mentre leggiamo dei libri, mentre studiamo, mentre organizziamo il nostro ripasso.

A questo proposito, una tecnica che merita particolare attenzione per la sua efficacia e per l'ampia possibilità di utilizzo è il METODO CORNELL, conosciuto anche come METODO 6R. Si tratta di un metodo elaborato nel 1989 da Walter Pauk, docente nell'università di Cornell, e successivamente utilizzato in tutto il mondo.

Apprendere il metodo Cornell è piuttosto facile e consente agli studenti di utilizzarne i benefici fin da subito, applicandolo anche insieme ad altre tecniche (come ad esempio la creazione di mappe).

Innanzitutto, alla basa del metodo Cornell c'è l'utilizzo di uno specifico foglio di appunti, Che chiamiamo Foglio di Cornell 

mercoledì 1 maggio 2019

Insegnare (e imparare) a studiare: il metodo PQ4R di Thomas e Robinson


Il metodo che proponiamo in questo post prende il nome di PQ4R perché, si capisce bene leggendo di seguito, riprende le lettere iniziali delle parole che caratterizzano ogni sua fase.

Poiché spesso si ha bisogno di insegnare ai propri studenti a studiare, e di fatto è una necessità inderogabile che permette di ottimizzare il loro potenziale in termini di tempo ed efficacia, questo metodo può fare al caso del docente che abbia questa necessità.

METODO DI STUDIO PQ4R DI THOMAS E ROBINSON

P di Preview, ossia Pre-visione. Scorri il testo e osservane la struttura, i paragrafi, gli eventuali “grassetti”, i grafici, le immagini ecc.

Q di Questions, ossia Domande. Chiediti che cosa stai per leggere, perché può esserci quel titolo, quell’immagine, che cosa può essere accaduto, quando, dove e perché. Insomma, impara a fare delle ipotesi.

R (1) di Read, ossia Leggere. Leggi il testo e verifica le tue ipotesi. Puoi anche sottolinearlo. Ricordati di controllare i termini che non conosci.

R (2) di Reflect, ossia Riflettere. Prova a mettere in relazione quello che hai appena letto con altre informazioni che possiedi già.

R (3) di Recite, ossia Ripetere. Ripeti, senza rileggere.

R (4) di Review, ossia Rivedere. Rivedi il capitolo e soffermati sui concetti che ti sembrano più importanti. Puoi anche evidenziarli con colori più vivaci.



domenica 28 aprile 2019

Sai fare l'insegnante? Scopri qui, con un test Erickson, quanto sei inclusivo

L'insegnante che ci sa fare, quello bravo, è inclusivo: questo è l'approdo della pedagogia contemporanea, e tale principio dovrebbe trovarci tutti d'accordo. Nella "polisemia" della vita di classe, nella varietà delle necessità educative, l'inclusione è l'unico modo che abbiamo per fare scuola in modo efficace.

Includere non vuol dire adattare la necessità del singolo ad una struttura data, ma modificare la stessa struttura educativa a misura di tutti gli inclusi. Tutti, perché tutti gli studenti hanno il bisogno educativo speciale per cui è necessaria l'inclusione.


Su questo blog ne abbiamo parlato a lungo e continueremo ad affrontare l'argomento.
Di seguito riportiamo un link che rimanda ad un test da effettuare on line, della durata di pochi minuti, che ci segnala, attraverso quesiti mirati, quanto è inclusivo - e quindi efficace - il nostro modo di fare lezione.


Troppo poco, a volte, dedichiamo del tempo ad esaminare il nostro lavoro, a fare delle autoanalisi su quanto sia effettivamente valido ciò che facciamo e quanto lo siano le nostre scelte didattiche.

IL TEST DI SEGUITO CI PERMETTE DI AVERE UNA PANORAMICA DEL NOSTRO MODO DI FAR LEZIONE E DELLA SUA EFFICACIA.

A seconda dei risultati, possiamo in modo mirato aggiustare il tiro, insistere su ciò che trascuriamo e migliorare quello che già facciamo.

La garanzia è data da chi propone il test: l'Editore Erickson che non ha bisogno di presentazioni.

sabato 13 aprile 2019

GESTIONE DELLA CLASSE IN MODO INCLUSIVO

Materiali liberamente scaricabili relativamente al corso  INCLUSIONE E BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

Questionario: scopri il tuo profilo di insegnante inclusivo




- 1A. Sociogramma di Moreno
- 1B. Proposte attività cooperative
- 1C. Cooperative Learning: 10 suggerimenti per non sbagliare
- 1D. Compiti di ruolo e compiti di mantenimento
- 1E. Kagan - Campi e strutture: tavola sinottica
- 1.F Kagan - Campi e strutture
- 1G. La carta a T
- 2A. TEST - Il mio modo di fare lezione
- 2B. Insegnante migliore, peggiore e ideale
- 2C. Norton - Stili comunicativi
- 3A. Mappa mentale e concettuale - ESEMPI
- 3B. Mappa mentale e mappa concettuale - Differenze Teoriche 
- 3C. Mappa concettuale da testo di storia
- 3D. Mappa concettuale SVOLTA da testo di storia
- 3E. Esercizio mappa mentale 
- 4A. ADHD - Sintomi e criteri diagnostici
- 4B. Probelm Solving e attività metacognitive
- 4C. Le intelligenze multiple
- 4D. Sternberg: stili di autogoverno
- 4D1. STILI DI AUTOGOVERNO - IMPLICAZIONI
- 4D2. Stili di autogoverno e tipologie di verifica
- 4E. I principali stili cognitivi
- 5A. Metodo di studio PQ4R di Thomas e Robinson 
- 5B. Insegnare ai DSA un metodo di studio
- 5C. Prendere appunti con il METODO CORNELL
- 5D. Questionario sugli STILI ATTRIBUTIVI

Guida alla compilazione di PEI e PDP: SOFIA dell'EDITORE ERICKSON
Pagina ufficiale SOFIA Erickson 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...