Seguici con il Feed Rss

PARTECIPA ALLA NOSTRA COMMUNITY!

lunedì 3 febbraio 2020

Recite a scuola: "Io mi chiamo G.", il monologo di Gaber


Risultato immagini per disuguaglianza sociale"

E' un bellissimo monologo di Giorgio Gaber sul determinismo sociale: la storia ancestrale delle disuguaglianze, di improbabili corse ad ostacoli in cui c'è sempre chi parte in vantaggio e chi deve per forza rincorrere.
Fa sorridere, e difatti il pubblico che in teatro ascoltava questo monologo lo faceva, ma di un sorriso amaro, agrodolce. 
Chi scrive lo ha fatto recitare a due alunni della scuola elementare, e riuscì davvero bene. 

Consigliato.
In fondo trovate anche la versione video (con audio)

***********

- Io mi chiamo G.
- Io mi chiamo G.
- No, non hai capito, sono io che mi chiamo G.
- No, sei tu che non hai capito, michiamo G anch’io.

- Ah, Il mio papà è molto importante.
- Il mio papà... no.

- Il mio papà è forte, sano e intelligente.
- Il mio papà è debole, malaticcio... e un po’ scemo.

- Il mio papà ha tre lauree e parla perfettamente cinque lingue.
- Il mio papà ha fatto la terza elementare e parla in dialetto. Ma poco, perché tartaglia.

- Io sono figlio unico e vivo in una grande casa con diciotto locali spaziosi.
- Io vivo in una casa piccola. Però c’ho diciotto fratelli!

- Il mio papà è molto ricco guadagna 31 miliardi al mese che diviso 31 che sono i giorni che ci sono in un mese, fa un miliardo al giorno.
- Il mio papà è povero: guadagna 10.000 al mese che diviso 31 che sono i giorni che ci sono in un mese fa... circa... 10.000 al giorno!!! …al primo giorno. Poi dopo basta.

- Noi siamo ricchi ma democratici. Quando giochiamo a tombola segniamo i numeri con i fagioli.
- Noi, invece, segniamo i fagioli con i numeri. Per non perderli.

- Il mio papà ogni anno cambia la macchina, la villa e il motoscafo.
- Il mio papà non cambia nemmeno idea.

- Il mio papà un giorno mi ha portato sulla collina e mi ha detto: Guarda! Tutto quello che vedi un giorno sarà tuo.
- Anche il mio papà un giorno mi ha portato sulla collina e mi ha detto: guarda!
Basta.


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...