Seguici con il Feed Rss

PARTECIPA ALLA NOSTRA COMMUNITY!

domenica 9 febbraio 2020

“E così vorresti fare l’insegnante?”


Risultato immagini per faccia dubbiosa"

Se lo fai per avere un posto fisso e un lavoro sicuro, lascia perdere: dopo due giorni rimpiangeresti di non aver chiamato per quell’annuncio come animatore in quel villaggio turistico.

Se sei di quelli che “I giovani d’oggi sono tutti dei rammolliti” e “Non hanno voglia di far niente” e “Una volta qui era tutta campagna”, lascia che ti dica una cosa: non fa per te.

Se quando vedi un ragazzino un po’ timido, un po’ in disparte, un po’ sfiduciato, non ti viene l’istinto di andare lì ad abbracciarlo, a dirgli “Dai, proviamoci insieme”, è meglio se ti trovi qualcos’altro.

Se lo fai per i due mesi di vacanza, trova un altro lavoro che te ne dia altrettanti, ma non questo:
ad ogni giugno sentirai di aver bisogno di almeno il doppio del tempo per riprenderti.

Se non ti nasce dentro come un ruggito,
se non ti spuntano le branchie a stare in mezzo a quegli oceani di sguardi paure desideri orrore e voglia di spaccare il mondo che sono gli occhi di un adolescente, scusa ma non è roba per te.

Se non ci credi tu per primo, che qualcosa possa cambiarese sei di quelli ormai rassegnati se nemmeno leggi più il giornale perché ogni giorno ti sembra uguale davvero non lo fare.

Se poi lo fai perché hai studiato e non hai trovato altro, assolutamente, davvero assolutamente, no.

Questo non è un lavoro che fai quando non c’è altro. Lo fai quando non c’è altro che vorresti mai fare.

Prof. Enrico Galiano

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...