Seguici con il Feed Rss

PARTECIPA ALLA NOSTRA COMMUNITY!

martedì 12 maggio 2020

Come deve essere la famiglia nella fase 2? I consigli di Alberto Pellai

La famiglia nella Fase 2, un viaggio in acque ignote?
La famiglia nella fase 2

Nel lockdown, tanti tra noi, in mezzo a mille difficoltà, hanno comunque vissuto vite molto, molto intense. Per noi famiglie ci sono state infinite sfide da superare. Economiche, educative, gestionali, relazionali. 

Un puzzle di elementi ignoti ci è apparso sul tavolo delle nostre esistenze, senza l’immagine già composta da cui prendere ispirazione per il processo di risoluzione. Non abbiamo risolto. Però abbiamo gestito. Se la nazione si avvia oggi alla Fase 2 è anche perché, noi famiglia, siamo stati un avamposto più che adeguato, un luogo di resistenza e resilienza che ha mostrato e dimostrato una “tenuta eccezionale” nei confronti di un’emergenza che aveva confini e caratteristiche inimmaginabili fino a tre mesi fa.Alberto Pellai

 La fase 2 sarà forse ancora più complessa della fase 1, per molti versi. Dovremo dosare la parola responsabilità con molte altre variabili. Dovremo usufruire dell’accesso al “fuori”, con tantissime limitazioni, difficili da incorporare nel nostro stile di vita. Ma ancora di più, da accogliere e integrare nella nostra mente. Lo spazio esteriore continuerà a rappresentare una minaccia e un allarme di cui essere consapevoli in ogni cosa che facciamo. Ogni nostro passo nel fuori non sarà libero, ma a sua volta “confinato”. Avremo ancora molta frustrazione da tollerare. E di questa frustrazione, noi genitori, dovremo continuare a farci carico anche per i nostri figli. Non sarà facile, ma ce la faremo. 

Come ha scritto Luis Sepulveda, che non è riuscito a sopravvivere a questa tremenda pandemia, “la vita si misura dall’intensità con cui si vive”. E quando siamo di fronte ai nostri figli, noi comprendiamo appieno il concetto di “intensità di vita”. Loro ce la testimoniano in funzione, anche, dell’esempio che noi sappiamo offrire loro, in ogni momento. Dovremo continuare ad essere esemplari. Che non vuol dire perfetti. Imperfetti, ma esemplari.

Testo tratto dalla pagina Facebook di Alberto Pellai

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...