Seguici con il Feed Rss

PARTECIPA ALLA NOSTRA COMMUNITY!

domenica 1 novembre 2020

Considerazioni razionali su Charlie Hebdo, del prof. Tommaso Di Brango

 


Di Tommaso Di Brango, docente di lettere nella scuola secondaria di II grado

Considerazioni razionali su Charlie Hebdo: 

a) la satira consiste nel mettere pubblicamente alla berlina, con linguaggi artistici, qualcuno o qualcosa. Non ci si deve dunque sorprendere se è (almeno potenzialmente) offensiva, perché a nessuno piace essere deriso o veder deriso ciò a cui tiene; 

b) da ciò segue che chiedere a Charlie Hebdo di non essere offensivo è come chiedergli di non essere quello che è, e cioè un foglio satirico. Ma c'è anche da dire che chiedere ai suoi bersagli di non offendersi è un po' come volere che si facciano insultare in silenzio;

c) ovviamente offendersi non significa aprire il fuoco o tagliare la gola al primo che passa. Una simile equivalenza possono stabilirla solo dei terroristi o degli intellettuali da salotto. Offendersi significa, piuttosto, non apprezzare le azioni di chi - in questo caso coi mezzi della satira - passa con insolenza sopra a ciò a cui, legittimamente, si tiene;

d) dire che Charlie Hebdo provoca la violenza islamista è come dire che una donna in minigonna "si è andata a cercare" una violenza sessuale o che Salvini, con la sua retorica anti-migratoria, "si è andato a cercare" l'aggressione di qualche migrante;  

e) la violenza islamista viene scatenata da organizzazioni terroristiche che - in questi frangenti - sfruttano il risentimento di chi vive nelle banlieues e di chi ha subito (e in forme indirette continua a subire) il colonialismo francese. Va da sé che una persona sana di mente non trasformerebbe questo risentimento in violenza terroristica: ma purtroppo i pazzi esistono.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...